Governi e Poteri, Locali e Nazionali, Milazzo e dintorni: Brandelli di  Democrazia e di Legalità su un fiume di debiti. Dati ed Analisi.

Mi chiamo Santa Mondello e dal 16/05/1987 a seguito di concorso pubblico per titoli ed esami sono stata assunta dal Comune di Milazzo. La mia vita personale è connotata da diversi impegni pubblici ma aborrisco “le appartenenze” di qualunque genere. Ciononostante è stata ed è costante la ricerca di un punto di vista consapevole e possibilmente documentato su temi e questioni che turbano e danneggiano il nostro paese, che offendono la democrazia e le libertà civili o che rimandano ad “inciuci degli apparati” con interessi criminali. Ho rivestito il ruolo di Presidente dell’Associazione Nazionale Antimafie Rita Atria. In atto aderisco all’associazione come semplice socio ed, al bisogno, come suo consulente. Per numerosi anni ho svolto il ruolo dirigente sindacale presso il Comune di Milazzo, ruolo che mi ero lasciato alle spalle. Al momento ritengo di dovere rafforzare il mio impegno antimafioso e ritornare all’impegno sindacale. Vivo e risiedo nella città di Milazzo, città dove sono nata e vissuta e dove ho conseguito la Maturità Classica. Un atto di amore per la mia famiglia e la mia prima figlia, che ho avuto a diciannove anni, mi ha allontanato dagli studi ufficiali. Ma la mia passione “era ed è” il diritto o per meglio dire “la ricerca del diritto” e ormai da quasi quaranta anni, non c’è stata occasione lavorativa, personale o sociale per la quale non abbia sentito il desiderio e l’esigenza di approfondire tematiche giuridiche, non sempre coerenti con la mia linea di pensiero, ma di cui ho cercato sempre di trarne l’applicazione più equa, trasparente e legale, e ciò sia in ambito lavorativo che sociale e personale. Tutto questo non è stato e non è per niente semplice e perdippiù, per molti aspetti continua ad essere emarginante, destabilizzante e dannoso. Rifuggo l’arroganza, mi irritano le clientele ed i privilegi, non amo i cretini raccomandati ed i governanti che ritengono che la cosa pubblica sia “cosa propria”, visto il danno sociale ed economico che determinano. Qualcuno che mi conosce bene mi definisce “una combattente” e ritengo che ciò è dovuto al fatto che di fronte ai problemi ed alle situazioni difficili, “non arretro mai” e mantengo, ovviamente fino a prova contraria, la mia linea di pensiero. Personalmente ritengo che ciò è dovuto sia ad una forma di coerenza, in questo sono “antica” non mi piacciono i “traditori” e nelle mie relazioni personali e pubbliche la lealtà è irrinunciabile. Non nascondo che le mie scelte sono stimolate dall’istinto e da una forma di empatia sociale e personale. Ma sono le riflessioni sulla nostra società, che vedo sempre più arretrata e priva di slanci culturali, sicuramente diseguale, e sugli apparati dell’amministrazione pubblica di qualunque settore, ma in particolare di governo, a mio avviso sempre più contaminati da interessi settoriali e financo estranei all’interesse pubblico, inclini a favorire lobbies potenti e massoniche, a determinare i miei orientamenti e prese di posizione. Il Blog è uno strumento per fare sentire la voce di chi non è certo allineato ma è più forte l’interesse a stimolare una coscienza critica e consapevole. Un obiettivo ambizioso: di certo non facile da perseguire e probabilmente “accidentato”. Sono pronta e ci provo, anzi mi auguro che ci provino in molti che già è “tanto”. Personalmente (chiamatelo “orgoglio” o “presunzione” o come vi pare) non rinuncerò mai a “mantenere la schiena dritta”. In ciò ringrazio i miei migliori maestri.

Santa Mondello

Stacks Image p22_n2
Stacks Image p17_n34
Stacks Image p17_n36
Stacks Image p17_n54
562
Stacks Image p18_n9